APPENDICE 2 – RUDOLF STEINER SULLA GIOVENTÙ CHE VERRÀ

Appendice 2 – Rudolf Steiner sulla gioventù che verrà139

Del rapporto con Rudolf Steiner


 

▸ «La gioventù che verrà proverrà da tutt’altri mondi cosmici e questo si intensificherà. Porterà con sé un’immensa facoltà di pensiero, una virtuosità del pensare. Questa è tuttavia la più grande tentazione e nel contempo il più grande attacco arimanico contro l’Antroposofia.

• Ci sarà il pericolo che mediante l’enorme leggerezza nell’interpretare i concetti antroposofici, tutto rimanga impigliato nel pensare e si sviluppi un’enorme sensazione di piacere nel pensare l’Antroposofia; ma non si penetrerà nella disciplina.

• L’unica cosa che la gioventù potrà ricevere e che potrà temprarla per superare gli eventi futuri è che incontri l’Antroposofia nella disciplina.

La disciplina è il fondamento,

mediante il quale unicamente lo studio può essere condotto a una vera meta.

• Quando l’Antroposofia viene insegnata come scienza, essa diventa dannosa.

• L’Antroposofia non può mai essere soltanto teoria; essa deve diventare vita diretta.

Facendo sì che sia soltanto un insegnamento, si uccide l’Antroposofia e la si consegna ad Arimane, al Signore della morte.

Oggi tuttavia per gli uomini è molto più comodo pensare e appropriarsi di alcuni concetti antroposofici, piuttosto di eliminare anche soltanto un’abitudine.

Ciò che fa l’Antroposofia delle nostre anime

è molto più importante di tutto il sapere teorico sui concetti scientifico-spirituali

 

 


 

Note:

139 – Esposizione verbale di Rudolf Steiner alla presenza della Signora Sybell-Petersen, riportata da Adelheid Petersen in una conferenza tenuta nell’agosto del 1950.

 

 

By | 2018-12-12T11:43:45+01:00 Dicembre 12th, 2018|II - IL MISTERO DELLA POSA DELLA PIETRA DI FONDAZIONE|Commenti disabilitati su APPENDICE 2 – RUDOLF STEINER SULLA GIOVENTÙ CHE VERRÀ