/////DIFFERENZA FRA IL TERRESTRE-FISICO CHE DOMINA IN CIÒ CHE È SENZA VITA, E L’EXTRATERRESTRE-ETERICO CHE CORROBORA IL VIVENTE

DIFFERENZA FRA IL TERRESTRE-FISICO CHE DOMINA IN CIÒ CHE È SENZA VITA, E L’EXTRATERRESTRE-ETERICO CHE CORROBORA IL VIVENTE

Differenza fra il terrestre-fisico che domina in ciò che è senza vita, e l’extraterrestre-eterico che corrobora il vivente

O.O. 26 – Massime antroposofiche – 17.02.1924


 

6Se si guarda alla natura senza vita,

si trova un mondo che si manifesta in rapporti conformi a leggi.

Ricercandoli, si scopre che essi sono il contenuto delle leggi naturali.

Si trova altresì che, mediante queste leggi, la natura senza vita forma un tutto con la terra.

Poi, da questo rapporto con la terra, il quale domina in tutto ciò che è senza vita,

si può passare ad osservare il mondo vivente delle piante.

Si vede come il mondo extraterrestre mandi giù dalle lontananze dello spazio

le forze che traggono il vivente dal grembo di ciò che è senza vita.

Si scorge nel vivente l’essenziale che si svincola dal rapporto puramente terrestre

e si fa rivelatore di ciò che dalle lontananze dello spazio cosmico agisce sulla terra.

Nella pianta più umile si scorge l’entità della luce extra-terrestre,

come nell’occhio l’oggetto luminoso che gli sta davanti.

In quest’ascesa dell’osservazione si può vedere la differenza

fra il terrestre-fisico che domina in ciò che è senza vita,

e l’extraterrestre-eterico che corrobora il vivente.

 

7In questo mondo del terrestre ed extraterrestre

si trova inserito l’uomo col suo essere extranimico ed extraspirituale.

In quanto è inserito nel terrestre, che abbraccia ciò che è senza vita, egli ha il suo corpo fisico;

in quanto sviluppa in sé quelle forze che il vivente attrae dalle lontananze del cosmo nel terrestre,

egli ha un corpo eterico o vitale.

 

 

 

By | 2018-09-21T14:36:25+02:00 Settembre 21st, 2018|LA VITA|Commenti disabilitati su DIFFERENZA FRA IL TERRESTRE-FISICO CHE DOMINA IN CIÒ CHE È SENZA VITA, E L’EXTRATERRESTRE-ETERICO CHE CORROBORA IL VIVENTE