LA MEDITAZIONE DELLA PIETRA FONDAMENTALE

La meditazione della Pietra Fondamentale

Rudolf Steiner e la Fondazione dei Nuovi Misteri


 

(I.1)     Anima umana,                                                               (1)

tu vivi nelle membra

che attraverso il mondo spaziale

ti portano nell’oceanica entità dello spirito.

 

Pratica il memorare dello spirito                                   (5)

nelle profondità dell’anima,

dove imperando

l’essere del Creatore dei mondi

l’Io singolo

nell’Io divino                                                                             (10)

si sustanzia,

e veramente tu vivrai

nell’umano essere universale.

 

(I.2)     Poiché domina lo Spirito Padre delle Sommità

nelle cosmiche profondità generando essere.                   (15)

 

Serafini, Cherubini, Troni

(O voi, spiriti delle Forze)

fate risuonare dalle sommità

ciò che riecheggia nelle profondità

e dice:

Ex deo nascimur.

(Dalla divinità si sustanzia l’umanità)

 

Questo odono gli spiriti elementari

a oriente, a occidente, a nord, a sud:

possano uomini udirlo!

 

 

 

(II. 1)          Anima umana,                                                                (1)

tu vivi nel battito del cuore e nell’ansito del respiro,

che mediante il ritmo del tempo,

ti guidano a sentire l’essere dell’anima tua propria:

 

Pratica la riflessione dello spirito                                         (5)

nell’equilibrio dell’anima,

dove le fluttuanti

azioni del cosmico divenire

l’Io singolo

al cosmico Io                                                                                    (10)

congiungono;

e veramente tu sentirai

nell’attività dell’anima umana.

 

(II. 2)     Poiché la volontà del Cristo domina nella cerchia

entro i cosmici ritmi dispensiera di grazia alle anime.       (15)

 

Kyriotetes, Dynamis, Exusiai,

(O voi spiriti della Luce)

fate che dall’oriente si accenda,

ciò che in occidente si plasma;

e dice

In Cristo morimur.                                                                      (20)

(Nel Cristo la morte diventa vita)

 

Questo odono gli spiriti elementari

a oriente, a occidente, a nord, a sud:

possano uomini udirlo!

 

 

 

(III. 1)        Anima umana,                                                         (1)

tu vivi nel capo in riposo,

che dagli abissi dell’eternità

ti dischiude i cosmici pensieri.

 

Pratica la visione spirituale                                              (5)

in tregua di pensiero,

dove le divine eterne mete

la luce dell’essere universale

al singolo Io,

per il suo libero volere                                                               (10)

donano;

e veramente tu penserai

nelle umane profondità dello spirito.

 

(III. 2)      Poiché i cosmici pensieri dello spirito dominano

nell’essere cosmico, luce imploranti.                                   (15)

 

Arcai, Arcangeli, Angeli,

(O voi spiriti delle anime)

fate che si invochi dalle profondità

ciò che sarà esaudito dalle sommità

e dice:

Per spiritum sanctum reviviscimus.                                   (20)

(Nei cosmici pensieri dello Spirito l’anima si desta)

 

Questo odono gli spiriti elementari

a oriente, a occidente, a nord, a sud:

possano uomini udirlo!

 

 

 

(IV.1)           Alla svolta dei tempi                                           (1)

la luce universale dello spirito fluì

nella corrente del terreno esistere;

vinto il dominio

della notturna tenebra                                                             (5)

chiara luce diurna

raggiò nelle anime umane;

luce

che riscalda

poveri cuori di pastori,                                                            (10)

luce

che illumina menti sapienti di re.

Luce divina,

Sole del Cristo,                                                                           (15)

riscalda

i nostri cuori,

illumina

le nostre menti,

perchè sia bene                                                                          (20)

ciò che noi

col cuore fondiamo,

ciò che con la mente

condurre a piena metà

vogliamo.

 

 

(Versione italiana di Dante e Irene Vigevani)

 

 


 

*  Il testo della meditazione della pietra fondamentale qui riprodotto

corrisponde a quello recitato da Rudolf Steiner alla fine dell’ultima conferenza

del Convegno di Natale, alla sera del 1 gennaio 1924.

 

I versi posti tra parentesi sono riportati dalla redazione pubblicata il 13 gennaio 1924

nel «Notiziario» del «Goetheanum».

 

 

By | 2018-11-17T18:53:25+01:00 Novembre 14th, 2018|LA MEDITAZIONE DELLA PIETRA FONDAMENTALE|Commenti disabilitati su LA MEDITAZIONE DELLA PIETRA FONDAMENTALE